LiMux IT evolution: Linux success story about public administrationsLiMux IT evolution: Linux nella pubblica amministrazione (ma non stiamo parlando dell’Italia)

Link

e-Library: Share and consult documents on interoperability solutions for public administrations.

A very good news about the Open Source that comes from Munich.

It’s a long read but, belive me, worth it

LiMux – the IT evolution

e-Library: Share and consult documents on interoperability solutions for public administrations

una ottima notizia riguardante l’Open Source arriva dalla Germania, il post e’ molto lungo,ma ne vale sicuramente la pena

LiMux – the IT evolution

RoR: How to test a confirm dialog with Capybara?RoR: Come testare una confirm dialog con Capybara

Capybara is a great Gem about integration tests in Ruby on Rail. It simulates how a real user would interact with your application by the browser.
This post explains how to face the javascript confirmation pop up windows (“Are you sure?”).
Seems like there is no way to handle it in Capybara but, If you’re using a drivers that supports JavaScript as Selenium, the best solution is override the confirm method to always return true.


page.evaluate_script('window.confirm = function() { return true; }')
page.click('Destroy')
Capybara rappresenta una delle gemme indispensabili per gli integration test in Ruby on Rails.
Usandolo vi sarete accorti che sembra non esserci modo di gestire le confirm dialog javascript del vostro codice. Tuttavia, se state usando un driver come Selenium che supporti il JS, potete forzare a trueil valore ritornato dal js come segue:


page.evaluate_script('window.confirm = function() { return true; }')
page.click('Destroy')

Learn VIMLearn VIM

Link

A great resources collection about VIM (expecially for Rails developer) by thoughtbot

“Unfortunately” some resources are not free, but it’s worth going to visit the website in any case.

Learn VIM

Una grande raccolta di documentazione & tutorial su VIM plugin e tutto quello che serve per usarlo con Rails by thoughtbot.

Molte risorse sono a pagamento, ma vale la pena fare un giro sul sito

Learn VIM

dmesg using human readable output formatVisualizzare data e orario del comando dmesg in formato human readable

dmesg – print or control the kernel ring buffer

dmesg output drives me crazy due to the timestamp. A lot of times I said: “there must be a way to human readable date !!!”  and now it is:

# dmesg -T

No vars and conversions, just a simple option !!

Unfortunately this option doesn’t work on old dmesg releases. On Ubuntu 12.10 (utili-linux v2.20), it works, no way for Red Hat 6 .

Fedora 19 (util-linux 2.23) can do better using color output and pager by the following option:

# dmesg -H

If  -T and -H option are not available, you can use the follow script:

# dmesg | awk -F ] '{"cat /proc/uptime | cut -d \" \" -f 1" | getline st;a=substr( $1,2, length($1) - 1);print strftime("%F %H:%M:%S %Z",systime()-st+a)" -> "$0}' | more

 

dmesg – print or control the kernel ring buffer

Spesso capita di dover analizzare l’output del dmesg e magari confrontare gli orari con altri log file. Il problema e’ che dmesg visualizza data e ora in formato timestamp . Come fare a far visualizzare a dmesg un orario “umano” ?

Fortunatamente non serve “lottare” con variabili d’ambiente o fare calcoli matematici, basta usare:

# dmesg -T

Sfortunatamente questo funziona solo sulle nuove versioni di dmesg presenti su Ububtu dalla 12.10 in poi e su Fedora 19 : niente da fare su Red Hat 6 purtroppo..

Fedora 19, che installa il pacchetto util-linux 2.23.2, permette di fare ancora meglio abilitando i colori e paginando l’output semplicemente digitando:

# dmesg -H

Se la vostra versione di dmesg non dovesse supportare le opzioni -T o -H, non vi rimane che usare il seguente script:

# dmesg | awk -F ] '{"cat /proc/uptime | cut -d \" \" -f 1" | getline st;a=substr( $1,2, length($1) - 1);print strftime("%F %H:%M:%S %Z",systime()-st+a)" -> "$0}' | more

Vim as a Python IDEUsare Vim come IDE Python

Are you looking for the best Python IDE ?

From my point of view Vim is the best IDE, but you need to configure it properly to have debug, auto-indent &auto-completion features on it.

Martin Brochhaus at PyCon Asia Pacific 2012 Conference talk about use Vim as Python IDE using some cool plugins.

This is the code on Github:

GitHub vim-as-a-python-ide

You can also find the slides as a PDF in this repository and, above all, download the .vimrc file .

Another valuable link about customize Vim and install plugin is: How I boosted my vimSiete alla ricerca del miglior IDE Python o per il vostro linguaggio preferito ?

Dopo aver letto e partecipato a svariati flame su numerose mailing list ho deciso che niente puo’ superare Vim. Uno strumento leggero, potente e crossplatform che, se adeguatamente configurato, vi permette di avere tutte le diavolerie degli IDE che occupano svariati giga di ram come: autocompletamento, correttore sintattico, debug, ecc.

Lo speech di Martin Brochhaus tenutosi al PyCon Asia Pacific 2012 Conference di Singapore rappresenta un vero e proprio tutorial sulla configurazione di Vim come IDE e l’utilizzo di alcuni ottimi plugin per sviluppare in Python,

Su github trovate anche il PDF della presentazione e alcuni file di config .vimrc compreso.

GitHub vim-as-a-python-ide

Altro link interessante sulla customizazione e sui plugin Vim e’: How I boosted my vim

Linux commands in a nutshellComandi linux in pillole

writing down a series of posts about GNU Linux commands.is one of the main purposes of this blog.
In these posts we are going to review some Linux commands with practical examples.This is not a complete but it’s a compact list of commands to refer when needed.These posts are not a linux training or a complete guide: you can use manpages for that (aka RTFM)The goal is share information about GNU Linux commands , improve my knowledge and use this website to cut & paste commands that I’m not able to remember 🙂

Bug fixes, suggestions and feedbacks are welcome as usual !

Posts list:

dmesg using human readable output format

Una delle principali ragioni che mi ha spinto a creare un blog e’ la possibilita’ di scrivere dei post pratici sull’utilizzo dei comandi Linux.

L’obiettivo e’ condividere queste informazioni, discuterle e ricevere consigli in modo da ampliare le mie conoscenze (oltre ad avere un mezzo pratico e veloce per il copia e incolla 🙂

Cosa troverete :

  • spiegazioni brevi e schematiche dei principali utilizzi dei comandi
  • semplici script per facilitare il lavoro del sistemista

Cosa NON troverete :

  • un corso su Linux
  • informazioni complete e lista delle opzioni dei comandi (esistono le manpages per quello)
  • spiegazioni dettagliate dei comandi

Come al solito: commenti e discussioni sull’argomento sono ben accetti.

Elenco dei post disponibili:

dmesg using human readable output format

Welcome to my BlogBenvenuti

In primo piano

Welcome to my blog !!!

My website was born on 1997, I closed it many years ago due to the social networks advent.
Actually I notice that Social Networks have some limits, for this reason I opened a new blog about the Information Technology: my world.
I hope to be able to post some useful stuffs
I’m waiting your suggestions & feedbacks, in the meanwhile. please excuse me for my bad english 🙂

Peppe La Rosa

Benvenuti nel mio Blog

Da diversi anni, grazie all’avvento dei vari social network e l’esplosione dei blog, ho smesso di mantenere il mio sito web nato nel lontano 1997.
Tuttavia, mi sono reso conto che i social network hanno dei limiti imposti dalla piattaforma stessa e non si adattano alle proprie esigenze come un sito web: per questo motivo ho deciso di aprire (l’ennesimo) blog che tratta il mondo dell’informatica o, come si dice oggi, dell’Information Technology.
Spero di poter postare presto nuovi articoli e link che potranno esservi utili; nel frattempo aspetto i vostri feedback e suggerenti per migliorare…..

Peppe La Rosa

Kriptonite: Crittografia, anonimato e privacy nelle reti telematiche


Un must delle letteratura informatica: un romanzo che tratta il rapporto tra informatica, telematica, crittografia,l ibertà individuali e tutela della privacy. Il libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1998, ma è ancora di un’attualità disarmante.

Trama
Dai bassifondi di Metropolis, tra cantine malfamate topi e spazzatura, Joe Lametta intraprende la strada del crimine fino a diventare il luogotenente di Lex Luthor, terrore e incubo della città.
All’apice della sua carriera un’operazione rocambolesca gli permette di rubare un miliardo di dollari, truffando il sindaco, la polizia, Superman e infine il suo stesso padrone. Le sue armi sono un modem e un computer portatile; un manuale lo aiuta spiegando le tecniche per comunicare nelle situazioni piu’ difficili conservando anonimato e sicurezza.
Di Joe Lametta e del miliardo di dollari si sono perse le tracce, ma ci è rimasto il manuale e il racconto della sua impresa…

—————————-

Crittografia, pgp, file system crittati, anonymous remailer, nym server, steganografia, telefonia digitale crittata e comunicazione via etere. Più un’ampia introduzione che spiega perchè, nella società del controllo, le reti digitali possono costituire il luogo più sicuro in cui condurre i propri affari.

Frutto di ricerche e prove meticolose, questo libro vuole essere un fidato maestro d’armi per tutti coloro che non si accontentano delle luci colorate di Internet.

Le istruzioni chiare e complete, gli esempi e il linguaggio preciso ma accessibile a chiunque ne fanno uno strumento dalle conseguenze imprevedibili: i suoi lettori potranno essere impiegati e top manager, mafiosi e amanti discreti, trafficanti di droga e militanti per i diritti civili. Ognuno saprà trovare la sua strada per mettere in pratica quanto vi e’ descritto.

Unici elementi in comune: l’amore per l’individuo e per i suoi bisogni, il disprezzo per una societa’ poliziesca che si vuole prendere troppa cura dei suoi cittadini.

Gli Autori
Joe Lametta, ovvero: And Bov, Frank Sinapsi, luc pac, Marta McKenzie, Putro, T.H.E. Walrus, Zeus Kissakie’ e molti altri, di cui non conoscete il volto, non ne conoscete il nome, ma che sicuramente avete incrociato nel vostro vagabondaggio su Internet…

Consiglio a tutti la lettura ricordandovi che questo testo non è sottoposto ad alcun copyright e che puo’ essere scaricato dalla Homepage Ufficiale